Archivio della categoria: Salute e Benessere

Ascolta la tua ansia per aprire i tuoi orizzonti!

Scopriamo come vincere l’ansia, ed imparare che i disagi non vanno combattuti ma accolti, cosi chè tutto possa cambiare.

Dobbiamo smettere di attribuire i disturbi di ansia a qualcosa di esterno, al lavoro, ai figli, al futuro, alla coppia, agli amanti, alle troppe cose da fare. L’ansia non è mai legata all’esterno. Per questo non serve a nulla impegnarsi per sistemare le cose  che non vanno nella vita: non è da li che viene l’ansia.

Anzi: è proprio l’eccesso di controllo che esercitiamo su noi stessi a scatenare questa energia misteriosa e dirompente. L’ansia nasce da dentro, è un’energia interna che viene dal buio e per questo è cieca e non sente ragioni, ma è energia che vuole solo una cosa: farti vivere, liberare la tua sorgente dalle gabbie mentali, far fiorire il tuo seme. Non ha senso combatterla: sei tu a crearla! occorre accoglierla e con lei andare nel profondo da cui proviene. 

Cosa è il profondo? l’occhio deve scendere nel buio. Deve andare giù, dove non c’è più l’esterno, non ci sono passato e futuro, non c’è la famiglia che tu pensi ti abbia condizionato, non c’è il lavoro pieno di insidie, non ci sono tutti gli alibi che ti crei, le idee che ti sei messo in testa, i doveri da assolvere, i modelli da imitare.

Nel profondo tutto questo non esiste. Di più: la persona che tu pensi di essere non esiste. Esiste l’ansia che ti sta dicendo: non sei al mondo per stare meglio o per sistemare le cose.

Sei qui per fare la tua pianta e per farlo devi stare con ciò che c’è cosi com’è.

Allora ti accorgi che qualcosa nel profondo sa fare ”te stesso” e lo fà in ogni istante: lo fà respirare, crea il suo corpo, ti manda le emozioni, e lo fà senza il tuo parere.

E’come se in te ci fosse un seme che stà facendo ”te stesso” e questo seme ne ha veramente le scatole piene dei tuoi schemi mentali e delle tue idee su dove guidare e indirizzare la tua vita.

Non ne può più dei tuoi lamenti per le cose che non vanno come vorresti.

Quel seme vuole che tu ti faccia da parte e se non lo fai, se insisti, a chiuderti nelle tue gabbie mentali, ti manda un’energia cosi forte che ti manda al tappeto.

Pensa: ogni sera vai a letto a dormire e cadi nel buio. Non importa cosa è accaduto, non importa se le cose vanno bene o male: qualcosa dentro di te sceglie il buio, e ti porta li, dove c’è il tuo seme!

vedi, tu non sei quello che credi di essere: sei un essere del buio che nel buio deve risplendere.

Siamo qui per qualcosa di più profondo, non banalizziamoci dando importanza ai problemi di superfice.

Non siamo banali! Nessuno lo è. L’energia dell’ansia ce lo ricorda. 

Chiedi la consulenza di un bravo psicologo per che ti aiuterà a scoprire come vincere l’ansia e scoprire come accogliere i disagi che la generano invece di combatterli, cosi ché la qualità della tua vita possa cambiare in meglio e l’ansia non appartenga più ai tuoi giorni.

Perché le cure termali aiutano a curare l’artrosi

L’artrosi è una malattia che colpisce soprattutto gli over 50, provocando dolorose infiammazioni alle ossa e alle articolazioni.
Trattandosi di una “naturale” degenerazione dei tessuti e delle ossa, nel senso che non si può fermare il processo di assottigliamento della cartilagine e di sgretolamento delle ossa, si può solo intervenire contro il dolore. Una soluzione efficace, che non prevede di fare ricorso ad antidolorifici e antiinfiammatori, è quella di fare una buona cura termale.

Parliamo  un trattamento che produce benefici, con il vantaggio di non avere controindicazioni o gli effetti nocivi di una terapia a base di farmaci. 

Per questo motivo il fango maturo di Abano Terme e della zona dei Colli Euganei è stato classificato come “farmaco naturale”.
Nella quasi totalità delle strutture alberghiere è possibile accedere alle cure termali pagando soltanto il ticket sanitario (previa ricetta del medico di base), grazie alle convenzioni degli hotel  con il Servizio Sanitario Nazionale.

L’apporto benefico delle acque termali era conosciuto fin dall’antichità, tanto che i Romani hanno fatto di Abano e Montegrotto, la destinazione preferita delle loro vacanze.
I segni del “passaggio” degli antichi Romani, sono visibili in molte zone dell’area termale, in particolare a Montegrotto, dove ci sono tracce di un grande complesso termale, dotato di enormi vasche, ma anche tracce di condotte per il passaggio dell’acqua termale, un acquedotto e suppellettili domestiche.

Vediamo quali sono i trattamenti termali che i moltissimi hotel della zona offrono (in convenzione con il S.S.N.), per il trattamento dell’artrosi, dei reumatismi, dei dolori articolari e delle altre malattie delle ossa.

  • Fangoterapia : il fango maturo dei Colli Euganei ha una composizione particolare, fatta di alghe, microrganismi e cianobatteri che aiutano la circolazione e il miorilassamento; inoltre il processo di fangatura stimola il sistema immunitario.
  • Massaggi curativi : pressoterapia e massaggi, oltre ad avere un effetto lenitivo e calmante immediato, favoriscono la circolazione e portano benessere a lungo termine.
  • Ginnastica in piscine termali : fare movimento nell’acqua termale aiuta la ripresa graduale dell’esercizio muscolare per chi ha bisogno di una riabilitazione indolore e diluita nel tempo.

Ogni trattamento viene svolto sotto il controllo di medici, fisioterapisti e operatori specializzati, che garantiscono la corretta esecuzione del movimento e l’assenza di controindicazioni per il paziente.